Lorenzo Cascio, sculptor and painter, born in Sicily in 1940, lives and works in Portofino.

He started his career as a ceramist in Sciacca, his native town, where he opened a school which brought restored the lost ancient tradition of the ceramic art.
He was a teacher of sculpture at the local High School of the Arts until 1983
Lorenzo Cascio constantly exhibits in many world galleries, and his works are in museums, artistic collections, religious and public buildings.
The inspiring theme of his Art are the Greek myth, the myths of the Christianity which he re-proposes with a modern sensitiveness , as well as the contemporary world. His bronzes, cast with the ancient technique of the lost wax, abandon the smooth shapes, conserving all the spontaneity of the artist’s hand and catch the light, which makes them vibrate. Groups of figures and characteristic horses are a dominating theme of his sculpture .
In his painting which often draws inspiration from the contemporary world of fashion, Lorenzo Cascio finds his expression thanks to an innovating and original technique of oil and collage and a wise use of colors and signs.
In 1991 Lorenzo Cascio created the magnificent bronze door for the church of St. George in Portofino: “The Door of Salvation” which, in six high relief panels, represents the story of sin from the beginning of the world to the present time on one side, and the story of redemption on the other.
In 1994 he worked on the bronze altar for the church dedicated to St. Anthony in Boccadasse, Genova.
In 1995 he sculptured the eight high relief panels door in golden bronze representing “the Mountains of the Bible” for the church of Nozarego in Santa Margherita Ligure
In 2002 he was called to work on the sculpture “L’ABBRACCIO” for the main square of Montevago, Sicily.
This artwork represents a warrior embracing his bride, thus symbolizing the fighting spirit which joins the men and women of Sicily who, through love and labour, prepare a better future in the respect of the family values.
In 2003 Lorenzo Cascio created “THE ARRIVAL”, a sculpture for the MUSEO DEI CAMPIONISSIMI of Novi Ligure to be placed in the museum drive.
He used these words to describe his work:

“I imagined in my sculpture the cross of the finishing line of a group of eight champions.
I intended, through the sculptural dynamism, to pass on the climax of the race, the perfect symbiosis between the man and his bicycle, which in the artistic representation become a whole. In my work I represented the strength of the true champions who, with their sports sacrifice left us a priceless moral heritage”.
From 2012 to 2014 he worked to the realization of the new church dedicated to St. Sebastian and to the Virgin Mary in Sciacca, his native town. He sculptured the four bronze doors in bas relief, the big glass windows and three large paintings for the altars.
Lorenzo Cascio in his career portrayed in bronze famous people of the cultural and artistic world; President of the Italian Republic Giovanni Leone (1965), Painter Giorgio De Chirico (1973), Scientist Albert Sabin (1987), Admiral Durand de la Penne (1993), Pope John Paul II (1998) during his visit to the Curia of Chiavari and many others.

Permanent Painting and Sculpture exhibitions and collections

Spokane , WA (USA) Gonzaga University Museum – Bronze “Bust of Pope John Paul II”
Santa Fe’ (USA) The Singleton – Biss Museum of Fine Art – Bronze “Pegasi in Volo”
Nassau (Bahamas) D’aguilar Art Foundation – mixed media on canvas “Ulisse e Penelope”
Mandelieu (Francia) Domaine de Barbossi, Collection d’Art Contemporaine – Bronze « Guerriero »
Gibellina (TP) biblioteca comunale – Bronze Bust “Leonardo Sciascia”
Portofino (GE) Museo internazionale di scultura all’aperto – Bronze bas-relief “Festa Pagana”
Firenze Museo della regione toscana – Mixed media on canvas “Atelier”
Bologna Museo della fondazione Cardinale Giacomo Lercaro – Bronze “La figuretta ritrovata”
Lavagna (GE) biblioteca comunale – Bronze Bust of Generale Ravenna
Racalmuto (AG) fondazione Leonardo Sciascia – Bronze Bust “Leonardo Sciascia”
Gubbio (PG) museo dell’associazione Maggio Eugubino – Terracotta “S. Francesco e il lupo”.
Huelva (Spagna) Museo del Ayuntamiento – Painting on canvas “La spiaggia della Doñana”
Sciacca (AG) Biblioteca comunale – Bronze Bust “Leonardo Sciascia”
Crema (CR) museo di Crema e del Cremasco – Bronze “Volto mitologico”
Belluno fondazione G. De Luca – Bronze “Volto di fanciulla”
Banari (SS) Fondazione Logudoro Meilogu – Painting on canvas “Sul Pianoro degli Dei”
S. Maria di Leuca (LE) Fondazione Vito Mele – Bronze “Cristo in Croce D’ulivo”
Caltagirone (CT) Museo della ceramica presso l’istituto statale d’arte per la ceramica – Enameled ceramic plate
Rapallo (GE) Raccolta del Comune – Bronze “Natività”
Montevago (AG) Parco culturale Terre Sikane – Bronze “Grande Abbraccio”
Piovera (AL) Museo all’aperto Fondazione “Il Gufo” – Bronze “Coppia”
Novi Ligure (AL) Museo dei Campionissimi – Bronze “L’Arrivo”
Sirmione (BS) Biblioteca Comunale – Mixed media on canvas “Cavalli”

He was a teacher of sculpture at the local High School of the Arts until 1983

In 1991 he sculpted the magnificent bronze door of the church of San Giorgio in Portofino:

"PORTA DELLA SALVEZZA", in which the history of sin from its origins to the present day (left), and the history of redemption (right) are represented in six high relief panels.

Nel 1994 lavora all’altare dedicato a S. Antonio e “Il miracolo della mula” per la chiesa di Boccadasse a Genova.

Nel 1995 crea per la parrocchia di Nozarego a Santa Margherita Ligure la Porta raffigurante i MONTI DELLA BIBBIA in otto formelle in bronzo dorato ad altorilievo.

Nel 2002 il Comune di Montevago, colpito dal tragico sisma del 1968, gli commissiona la realizzazione di una scultura in bronzo da sistemare nella piazza del teatro. Nasce così “L’ABBRACCIO”, opera in cui è rappresentato un guerriero che cinge la sua sposa. In questo abbraccio è simboleggiato lo spirito combattivo che unisce gli uomini e le donne di Sicilia, i quali , non ostante le avversità che la vita ha loro riservato,con l’amore e l’operosità costruiscono un avvenire migliore nel rispetto dei valori legati alla famiglia.

La figura maschile è stata vista dallo scultore come un guerriero che nella sua costante lotta per un avvenire migliore trova il suo appoggio e la sua forza nella propria compagna.

Sotto l’aspetto plastico le due figure sono rappresentate da Lorenzo Cascio attraverso un modellato dinamico e vibrante, in cui l’irruenza plastica e i volumi sapientemente bilanciati conferiscono alla sua opera una forza che si riallaccia ai miti antichi e alla bellezza classica rivisitata in chiave contemporanea.

Nel 2003 Lorenzo Cascio realizza per il MUSEO DEI CAMPIONISSIMI dedicato al ciclismo di Novi Ligure una scultura da sistemare nel viale di ingresso al museo. Con queste parole lo scultore descrive il proprio lavoro:

Ho immaginato nella mia scultura l’arrivo al traguardo di un gruppo di otto campioni. Ho voluto trasmettere attraverso il dinamismo scultoreo il momento culminante della gara ciclistica, l’ultimo respiro, la perfetta simbiosi tra l’uomo e la sua bicicletta, che nella rappresentazione plastica diventano un tutt’uno. Ho rappresentato nella mia opera la forza dei veri atleti, campioni che con il sacrificio sportivo hanno lasciato a noi tutti un patrimonio inestimabile di valori morali.

Tra il 2012 e il 2014 lavora per la chiesa in costruzione dedicata a S. Sebastiano e alla Beata Vergine Maria a Sciacca. Realizza quattro portali in bronzo a bassorilievo, “dalla Genesi alla Pentecoste” divisi in 32 pannelli, nonché di grandi vetrate policrome e dipinti per le grandi pareti interne della chiesa. Il progetto lo tiene occupato fino ad ottobre 2014.

I motivi ispiratori dell’arte di Lorenzo Cascio sono il mito omerico antico (Ettore e Andromaca, Ulisse e Calipso), i miti della cristianità, che egli ripropone con sensibilità modernissima, e il mondo contemporaneo.

I suoi bronzi, realizzati con l’antica tecnica della fusione a cera persa, abbandonando le forme levigate, mantengono tutta la freschezza della mano dell’artista e catturano la luce che le rende vibranti.

gruppi di figure e cavalli realizzati con irruenza materica, sono una dominante della sua scultura.

La sua è una pittura personalissima ed innovativa, che ripropone i temi già da lui affrontati nella scultura, che per mezzo di un’originale tecnica di olio e collage trova la sua espressione attraverso il gesto, il segno ed un sapiente uso del colore, e si rinnova prendendo spunto dai miti odierni: il mondo della moda e le sue mannequins in cui troviamo non già figure vestite dall’antico peplo, bensì figure bellissime ed eteree che nel loro incedere incarnano il mito contraddittorio dell’estetica moderna .

I ritratti Numerose le personalità del mondo dell’arte e della cultura che Lorenzo Cascio ha ritratto nell’arco della sua carriera: il pittore Giorgio de Chirico (1973), lo scrittore Leonardo Sciascia (1986), il musicista Thomas Schipper , il presidente della Repubblica italiana Giovanni Leone(1964), lo scienziato Albert Sabin (1987), il chirurgo Francesco Crucitti (1986), il chirurgo Robert Ozeran (1992), l’ammiraglio Durand De La Penne(1993), Papa Giovanni Paolo II (1998) e molti altri.

Le sue opere figurano in numerosi musei, nelle più importanti collezioni d’arte internazionali, in edifici religiosi.

Tra questi: MUSEO DEL MAGGIO EGUBINO (Gubbio), MUSEO D’ARTE DI GIBELLINA (TP), MUSEO DI SCULTURA INTERNAZIONALE Portofino, MUSEO DI CREMA E DEL CREMASCO Crema, MUSEO DI ALMONTE (Spagna), GONZAGA UNIVERSITY MUSEUM ,Spokane Washington; MUSEO DELLA SCULTURA ALL’APERTO ASSOCIAZIONE IL GUFO, Piovera (Al); FONDAZIONE LOGUDORO MEILOGU, Sassari; FONDAZIONE LEONARDO SCIASCIA, Racalmuto (AG); FONDAZIONE GIACOMO LERCARO, Bologna; BIBLIOTECA COMUNALE, Sciacca; BIBLIOTECA COMUNALE, Lavagna (GE); ALBERGO DELLE TERME, Sciacca; COLLEZIONE CITO HITO, Osaka; COLLEZIONE FUJI, Tokio; COLLEZIONE NEIMAN MARCUS, Dallas; COLLEZIONE ZIMMERMANN, Lucerna; COLLEZIONE TSAVLIRIS, Londra; COLLEZIONE NINO SOLDANO, Milano; GALLERIA D’ARTE MODERNA DE LUCA, Belluno, Milano; CHIESA DI SAN GIUSEPPE, Trapani; CHIESA DI BOCCADASSE, Genova; CHIESA DI S. GIORGIO, Portofino; CHIESA DI NOZAREGO, Santa Margherita Ligure; PIAZZA DEL TEATRO, Montevago (Ag); MUSEO DEI CAMPIONISSIMI, Novi ligure; DOMAINE DE BARBOSSI, Mandelieu (Francia); THE SINGLETON – BISS MUSEUM OF FINE ART, Santa Fe’ (USA); D’AGUILAR ART FOUNDATION, Nassau (Bahamas).

Principali esposizioni personali : Galleria Franz Emmenegger, Lucerna (Svizzera) 1976 e 1978, Galleria Kunsthndel Amsterdam (olanda) 1981, Galleria Salerniana, Erice, 1970 e 1985, Galleria Bottega del Quadro Feltre (BL) 1984, Museo di Crema e del Cremasco 1985 Galleria Margutta Siracusa 1986, Galleria Expoarte Tirrenia, 1986, Museo di S. Agostino Genova 1990, Galleria Thorigny, Parigi, 1990,1° Mostra Internazionale di Scultura all’Aperto Città di Legnano 1991, Galleria The Collection, La Jolla (California) 1998, International Artexpo, New York ,2000, Galerie de la Cité, Losanna (Svizzera) aprile – giugno 2000, Petit Palais Montreux (Svizzera) 2000, Galerie de la Cité, Losanna (settembre – novembre 2000), presso Anne De Villemejane, Newton (Boston) settembre – ottobre 2000, Montecatini Terme (febbraio 2002),

2003

Galleri Progres,Horsens (Danimarca)

Palazzo Datini Prato .

2004

Castello di Piovera (Alessandria)

Studio 424 Architects, Bergamo

Convento di S. Francesco, Sciacca (Agrigento)

If Fine Art Gallery, Ootmarsum (Olanda)

2005

Terra Promessa, Ootmarsum (Olanda)

Salle des Fêtes, Saint Jean Cap Ferrat (Francia)

Galleria D’arte Micrò, Torino

2006

Aqui Terme Colletiva a Palazzo Rebellini

Piovera (AL) Mostra d’arte contemporanea al Castello

Bergamo Alta Collettiva “La Bella Italia”

Torino “Quadreria” Mostra collettiva alla Galleria Micrò

Treviglio “Profumo di donna” Collettiva

2007

Piovera (AL) Mostra d’arte contemporanea “Apertamente Arte” Presso il Castello

Merate (LC) Personale a Palazzo Prinetti

Sciacca (AG) collettiva “Mostra del Piccolo Formato” presso il centro d’arte Cappellino

2008

Portofino (GE) viene inaugurato il bassorilievo in bronzo rappresentante Don Giussani presso la piazzetta del Faro

Venezia Un suo dipinto viene battuto e aggiudicato dalla casa d’aste Finarte durante l’asta d’Arte moderna e contemporanea a Palazzo Correr

2009

Firenze Personale presso il museo della Regione Toscana

Bergamo Personale presso lo studio Atelier Laura Beretta

2011

2012

2013

2014

Di lui hanno scritto i più autorevoli quotidiani e riviste:
Le Monde (Francia), Stampa Sera, Le Figaro (Francia), L’Ora, Il Giornale di Sicilia, Il Tempo di Roma, L’Eco di Bergamo, Il Secolo XIX, La Stampa, L’Avanti!, ARTE, Il Corriere della Sera, Il Gazzettino, Arte 2000, il Lavoro, La Nazione, Stadt Luzern (Svizzera), Arte Contemporanea, El Informe (Argentina), Catalogo Bolaffi , Tempo, Gente, Avvenire, Anna, La Notte, La Repubblica, Horsens Folkeblad (Danimarca).